Pagina principale

Da WikiSpesa.
Share/Save/Bookmark
Benvenuto su WIKISPESA
Resta informato sugli sprechi in Italia

Regioni - Province - Comuni - Altri enti


Nord - Centro- Sud- Italia





Notizie home.jpg
Lavorincorso.png
Lavori in Corso Storico: Speciale Strade Incompiute
Il percorso estivo di Wikispesa lungo lo stivale sulle strade divenute classici delle opere incompiute, in costruzione da decenni con cantieri aperti da nord a sud. Le infrastrutture stradali avviate e mai terminate valgono 31 miliardi di euro ed hanno accumulato ritardi che variano da 7 anni (è il caso della terza corsia dell'A11 in Toscana e il prolungamento dell'A27 in Veneto) a un massimo di 50, la "strada dei due mari" Fano-Grosseto


Siaeplazzo.png
SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori)
Un emendamento della Legge di Stabilità 2014 ha introdotto un aumento del 500% dell'equo compenso su smartphone, tablet e computer: una tassa obsoleta non più giustificata da un contesto di molto cambiato dalla sua formulazione.

Una volta scoperto, l'emendamento ha sollevato l'opposizione delle associazioni dei consumatori e aperto un dibattito politico, che si è però concluso con l'inziale sostegno del governo all'esigenza della Siae di aumentare le proprie entrate e far fronte alle inefficienze strutturali. All'aumento della tassa sono seguiti gli aumenti dei prezzi prima di Apple e la scorsa settimana anche da parte di Samsung. La Siae ha risposto alla decisione dei produttori di non farsi carico della nuova tassa, con un ulteriore spreco "dimostrativo": la Società Italiana Autori ed Editori ha quindi acquistato 22 iPhone a Nizza spendendo 16mila euro per regalarli ad alcuni rappresentanti di altri enti e associazioni con lo scopo di mostrare come in Francia i dispositivi costino meno nonostante il tributo al corrispettivo ente sia superiore.

Il problema principale rimane però che la Siae è un ente ormai inutile e costoso, da alcuni giorni ancora più costoso



Illuminazione1.png
Illuminazione pubblica: consumi comunali
L'Italia appare molto più luminosa del resto dell'Europa nelle immagini del satellite Suomi Npp che sorvola la penisola e gran parte delle fonti luminose notturne visibili sono di illuminazione pubblica. La percezione visiva trova conferma nei dati Istil: il consumo annuo pro capite per l'illuminazione pubblica in Italia risulta di 107 kWh, più del doppio della Germania e della Gran Bretagna e un terzo in più della Francia, per un costo annuo di oltre un miliardo di euro.

La spesa (quindi le tasse per finanziarla) e la gestione sono di competenza comunale, mentre è dall'incompetenza che derivano gli sprechi, ossia dall'incapacità di definire piani energetici basati sull'introduzione di tecnologie "intelligenti" per il risparmio energetico, oppure dalla complicità negli accordi di fornitura con le società municipalizzate: il mantenimento di molte delle quali dipende proprio dall'eccesso di consumo/domanda di elettricità da parte dei Comuni.

Il costo-opportunità è alto, adottando infatti comportamenti più responsabili nelle amministrazioni locali oltre all'introduzione delle tecnologie adeguate, è possibile un risparmio già nel breve termine fino a 200 milioni annui, uno dei punti del piano di revisione di spesa del commissario Cottarelli


Bikesharingroma1.png
Bike Sharing Roma
Da un anno, da luglio 2013, le isole di noleggio del servizio di bike sharing a Roma sono inutilizzate e abbandonate.

Il servizio, avviato nel 2008, è fallito a causa di una gestione inefficiente e di furti che hanno dimezzato la flotta delle biciclette, già inadeguata per servire una domanda, elevata nonostante la scarsa usabilità del servizio a partire dalla registrazione: paradossalmente lenta e burocratica per un servizio che dovrebbe offrire un valore di agilità. Il modello di finanziamento, adottato con successo in gran parte delle città europee, è la sponsorizzazione, ma sotto la pressione delle imprese di pubblicità romane che si opponevano all’ingresso di una ditta straniera concorrente nel settore della cartellonistica pubblicitaria, l'ex sindaco Alemanno ha optato per il passaggio di gestione dalla società spagnola Comisa alla partecipata di Atac, Rsm, che ha portato il servizio al fallimento.

Il sindaco Marino ha promesso il riavvio del servizio entro novembre 2014 con un investimento in una nuova flotta di bici elettriche a pedalata assistita. Il problema rimarrà però la capacità gestionale, la situazione continuerà quindi ad essere monitorata e aggiornata su Wikispesa
Nuovo articolo.jpg
INSERISCI NUOVO ARTICOLO


Ultime notizie.jpg
ULTIME NOTIZIE


Realizzazione a cura di AlfaPi
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti
socialsidebar